Skip to content

Bambini in Costa Blanca

Ecco a parlare di nuovo della nostra recente esperienza spagnola. Se a Valencia poteva andare meglio, la permanenza ad Elche è stata invece molto gradevole. La costa blanca, cioè quel tratto della costa spagnola mediterranea tra Capo de la Nao e Capo di Gata, è veramente una meta adatta alle famiglie. Le spiaggie sono per lo più ampie, sabbiose, con fondali non troppo profondi. Le città pur non essendo in realtà così piccole come appaiono soo molto vivibili e a misura di uomo. Parchi, parchetti e giardini sono molto frequenti.

Noi avevamo come centro da cui muoversi Elche, cittadina molto carina, con un centro compatto ma bello, ricco di negozi. Noi abbiamo proprio vissuto nel campus dell’università, che è molto bello e vale quanto meno una passeggiata. Elche è patrimonio dell’umanità dell’Unesco perchè è il più grande palmeto di Europa, perfettamente integrato nell’ambiete urbano. Finchè non vi ritrovate immerse nella miriade di palme, vi assicuro che non potete rendervi conto di che spettacolo meraviglioso sia! Mi hanno colpito tantissimo i colori della città, colori vivaci e netti che improvvisamente emergono nel secco e arido ambiente tipico di queste aree. Tra le spiaggie che abbiamo bazzicato la mia preferita è stata Las Arenales, per la sua sabbia super fina e quell’impressione di selvaggio che mi piace tanto! Con i bambini è molto comoda anche la spiaggia di Santa Pola. I fondali sono molto bassi, la sabbia è compatta e ci sono tantissimi locali lungo la costa.

Altri posti che abbiamo bazzicato sono stati Torre Veja, Orihuela e ovviamente Alicante. Delle prime due abbiamo visto il mare. Le calette di Orihuela mi sono piaciute tantissimo. Alicante abbiamo avuto modo di girarla un po’ e ci ha affascinato. Una città viva, con alcuni aspetti monumentali e storici molto belli e un mare meraviglioso. La cosa più bella è che la spiaggia è praticamente in pieno centro! Nonostante sia una città per nulla piccola, la principale in Costa Blanca, lascia l’idea di un posto tranquillo, umano ma allo stesso tempo ricco di vita. Tra i posti da non perdere c’è il museo archeologico, che organizza molte attività per i bambini, anche se poco pensate per i turisti.

Altri due punti di forza della Costa Blanca sono i parchi a tema e il turismo naturalistico. Il primo noi non lo abbiamo proprio preso in considerazione. Belindor è però la metà principale per chi ama i parchi acquatici e non solo nella zona: in realtà praticamente in quasi tutte le città c’è un parco a tema. Il turismo naturalistico è principalmente legato alle riserve umide, che in tutta la Comunità Valenziana sono tante e bellissime. Non è un turismo molto consosciuto, perchè gli stranieri più che altro sono interessati alla spiaggia. Ma è un peccato perchè sono luoghi veramente belli, come le Saline della Mata e di Torre Veja per esempio. E sono quasi tutti luoghi molto adatti a delle gite con le famiglie, grazie alla presenza di tante aree picnic e ad una buona accessibilità. L’unico neo sono i centri visita che sono di solito aperti solo la mattina, il che è un peccato, perchè la visita senza un po’ di storia e di caratteristiche del luogo perde un pochino.

Vi lascio un po’ di foto per farvi invogliare!

Questo slideshow richiede JavaScript.

Annunci

3 Comments »

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: