Vai al contenuto

Adozione a distanza: un gesto di solidarietà per aiutare i bambini che hanno bisogno

Ogni giorno possiamo scegliere di fare la nostra buona azione e molte persone scelgono di aiutare i bambini bisognosi,  adottandoli a distanza. Tuttavia, sono altrettanti coloro che vorrebbero farlo, ma esitano da tempo perché non sanno esattamente di cosa si tratti e come funzioni. Certamente è un aiuto importante, e le associazioni che avviano validi progetti al quale possiamo prendere parte sono molte. Per questi motivi, è opportuno fare chiarezza e conoscere tutte le opportunità disponibili.
baby
La prima cosa da sapere è che scegliere una adozione a distanza significa avvalersi di una soluzione che non ha una valenza di tipo giuridico come può accadere per le adozioni internazionali. Infatti, adottare a distanza vuol dire solamente prendersi l’impegno di inviare periodicamente una piccola somma prestabilita a uno o più bambini, ad adolescenti, oppure a uomini e donne che vivono in condizioni disagiate.
Per fare questo, è possibile partecipare a progetti specifici, attivi anche a livello nazionale. La Lega del Filo d’Oro ad esempio, promuove questo progetto che pur non essendo un’adozione a distanza classica dà la possibilità di aiutare attraverso una donazione regolare i bambini e i ragazzi.
Come abbiamo detto, esistono molte associazioni da sostenere e ognuna di loro ha uno o più progetti al quale poter partecipare. Perciò, prima di decidere di iniziare ad aiutare un bambino a distanza, si potrà fare una piccola ricerca per capire quale progetto potrebbe emozionarci e coinvolgerci maggiormente. Tuttavia, molte persone dubitano delle associazioni, in quanto non hanno abbastanza informazioni a disposizione, soprattutto per quanto riguarda le modalità con le quali le donazioni arrivano a destinazione. Se anche voi vi ritrovate in questa posizione, il consiglio è di ricercare le opinioni e le esperienze di coloro che hanno già partecipato a questa tipologia di progetti.
In base al vostro budget, potrete decidere se mandare una donazione costante per uno o più bambini, o se farlo per tutta la sua famiglia o anche per un’intera comunità. In ogni caso, il vostro aiuto economico si trasformerà nell’acquisto di abiti, cibo, medicinali e di tutto ciò che è necessario per il sostentamento completo e l’istruzione del bambino, della famiglia o della comunità che si è deciso di supportare. Questo potrebbe sembrare molto dispendioso, ma è opportuno pensare che, in realtà, il costo della vita nei Paesi in via di sviluppo è molto più basso rispetto a quello negli Stati industrializzati. Perciò, anche con soli 10 euro, quei bambini e quelle famiglie potranno avere un miglioramento sostanziale della qualità di vita.

baby2Periodicamente riceverete anche la fotografia della persona che avete adottato, i report contenenti tutte le spese che sono state effettuate grazie al vostro contribuito, e anche eventuali ringraziamenti da parte di coloro che state aiutando a distanza. Il costo della partecipazione a questi progetti solitamente varia dai 16 ai 30 euro in base al tipo di progetto al quale avete aderito o al tipo di adozione che avete scelto. È importante sapere anche che la durata del sostegno può cambiare sempre relativamente alla tipologia di donazione scelta. Tuttavia non ci saranno obblighi specifici da rispettare e sarà il donatore a decidere se e quando smettere, anche se si tratta comunque di un impegno e quindi sarà opportuno evitare di dare la propria parola se non si ha realmente la possibilità di mantenerla.

LP

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: