Vai al contenuto

Belle letture

In queste settimane di delirio, una cosa non ho mai smesso di fare:leggere. E sono stata fortunata.  Mi sono imbattuta in quattro letture diverse ma interessanti. Eccole!

image

L’imprevedibile viaggio di Harold Fry.  Ve ne ho accennato in occasione della #booknomination e ci torno sopra. Non so perché pensando a questo libro mi viene in mente la parola delizioso.  Eppure la storia che racconta non è certo deliziosa. È una storia piena di speranza e di disperazione,  di paura e di coraggio,  un ritratto di uno scorcio di vita così profondamente reale. Forse delizioso è il tono della scrittura,  la velocità e la scorrevolezza della atoria, la calma e la lentezza del cammino. Un libro assolutamente da leggere.

image

La verità sul caso Harry Quebert.
Questo libro mi stuzicava da un po’. Stavo pee prenderlo in biblioteca ma visto che mio fratello cercava un libro da regalare a nostra mamma, io casualmente gli ho consigliato questo! Fino a pagina 50 non capivo il successo del libro. Poi ci sono caduta dentro con tutti i piedi. Il libro è confezionato per tenere incollato il lettore alla pagina. Un giallo pieno di svolte, con un ritmo dal serie tv. O almeno questa è l’impressione che ho avuto. Se vi manca come lettura ve la consiglio caldamente questa estate per un libro da ombrellone non banale.

image

L’uomo di neve. Questo è il primo di Nesbo che leggo. Non so perché io appassionata di gialli nordici non ho abbia mai sperimetato questo prolifico scrittore. Ho trovato la storia dura e spigolosa. Sebbene alcuni dei temi cari ai giallisti di alte latitudini ci siano, ho trovato il libro diverso da quello che mi aspettavo. Se lo avessi letto senza conoscere la nazionalità dell’autore, avrei pensato fosse americano. Probabilmente,  perché ho avuto la sensazione di una certa maestria da scrittore di best seller. Non so se mi spiego… una specie di Grisham nordico. E per esserlo bisogna saperlo fare. Nell’insieme il libro mi è piaciuto. Un giallo deve tenerti li, farti fare un mucchio di domande e divertive. Ci siamo.

imageThe Help. Se hai basse aspettative su un libro puoi avere belle sorprese. Questo libro mi aveva intrigato. Quando uscì il film non sono riuscit  vederlo, ma mi ispirava. Poi avevo letto delle brutte recensioni che mi hanno condizionata. Poi un giorno l’ho trovato su amazon, come offerta del giorno e l’ho preso. Io non so perché ho letto che era un libro deludente. È un testo bellissimo.  La scrittura è molto semplice e diretta, la trama è emozionante.  Posso sentire le emozioni di tutte le protagoniste.  Mi emoziono per il loro coraggio e la loro forza. Mi faccio tantr domande. Mi stupisco. Mi arrabbio. Questo libro mi ha fatto tanto pensare al film we want sex che mi era tanto piaciuto. Mi suscita le stesse emozioni.  L’importanza di non arrendersi, la dignità, la forza, l’orgoglio, ma anche la disperazione, la rassegnazione,  la paura. Leggetelo!

 

 

Questo post partecipa all’iniziativa il venerdì del libro di Paola di homemademamma.

12 Comments »

  1. Harold Fry lo sto leggendo adesso, i gialli non li amo molto e The Help, non l’ho letto ma ho visto il film e mi è piaciuto. Io ho la teoria che se il film è bello il libro lo sarà di più, quindi lo cercherò presto!

    "Mi piace"

  2. Harold Fry lo sto leggendo adesso, i gialli non li amo molto e riguardo a The Help ho visto il film e mi è piaciuto. Io ho la teoria che se il film è bello il libro lo sarà di più, quindi lo comprerò presto!

    "Mi piace"

  3. Harry Quebert e L’uomo di neve mi sono piaciuti molto (ne avevo parlato qui:http://www.mammavvocato.blogspot.it/2014/01/l-verita-sul-caso-harry-quebert-e-un.html e qui: http://mammavvocato.blogspot.it/2014/01/quando-il-bianco-si-tinge-di-giallo.html ).
    Quello di Harold Fry è già nel mio elenco perchè ho letto recensioni entusiaste di 1kg di Costanza e un altro blog che non ricordo, l’ultimo non lo conoscevo…aggiorno subito subito la mia lista!!!
    Trovare tempo per leggere nel caso di un trasloco non è da poco…brava!
    Grazie dei consigli!

    "Mi piace"

  4. The Help è piaciuto molto anche a me, Nesbo manca, pur essendo anche io giallofila, Harold Fry mi ispira, ma, no, no, no, non mi puoi salvare così quell’orrendo pappone di Quebert!

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: