Skip to content

Le letture tra noi, leggere!

Questo è un post che ho in attesa di esser scritto da un po’. Almeno dall’uscita dell’ultimo libro di Fabio Volo, prima di Natale,  che a voi da la misura di come stia messa in questi ultimi mesi e ma me quella di quanto stia trascurando queato spazietto ultimamente! Ieri però ho letto questa frase e mi son decisa, quasi fosse un segno del cielo:

“Ogni libro ha diritto ad una chance.  E non esistono libri belli o brutti, perché non esiste un parametro vero per giudicare un libro. Esiste solo la soggettività. ” (Un segreto non è per sempre).

Bon, ora che i fuochi son spenti da un pezzo, vi do la mia visione della questione “libri degni vs libri indegni” (di essere letti,  ovvio). Io odio chi si erge a principe della difesa delle letture buone, quelli che ti dicono “questo si, questo no”. Li odio proprio! I motivi sono diversi.  Primo, perché mi sembra un modo per allontanare ancora di più i potenziali lettori. Soprattutto quando sono piccoli, ovvio. Se vuole leggere solo fantasy tu genitori perché gli devi sfracassare i maroni che queste non son letture serie? Perché?  Tra l’altro,  perché a 15 anni dovrebbe leggere letture serie? E poi hai mai letto uno di quei libri?  Sei sicuro che siano così monnezza, e non scritti bene, con ritmo, ed emozionanti?  Secondo,  leggere è bello, è un piacere, è più di un passatempo fine a sé stesso. L’espressione: meglio che legga che guardi la tv mi fa inorridire… quasi che siano paragonabili le due attività!  Ma quando mai! Per cui, se è un attività che faccio per il mio piacere, perché tu devi sindacare sulle mie scelte? Non sarà mica snobbismo mal celato?
Mi potreste dire che il lettore va educato,  che la lettura serve a crescere.  Vero, per carità,  ma non può diventare certo un compitino scolastico.  Esistono dei libri bruttini, anche se probabilmente in 10 non riusciremo ad accordarci tutti sullo stesso titolo. Il gusto per la lettura cambia e crescono le esigenze,  ma lasciate in pace ‘sti poveri 4 lettori esistenti!  Personalmente,  le uniche regole che seguo sono quelle del solito decalogo stranoto di Pennac! E buona lettura a tutti!

image

Annunci

13 Comments »

  1. Ho un nipote che deve darci dentro con la lettura perché ancora, dice la maestra, non ci siamo…e’ il mio primo nipote ed abbiamo un rapporto speciale. L’altra sera mi fa “Zia (che quando mi chiama zia io mi sciolgo!), ho finito il libro che mi hai regalato, bello!…ora però la maestra ci ha dato IL DIARIO DI ANNA FRANK e mi annoio” , la tentazione e’ stata di dirgli “non leggerlo se non ti piace”, però mi sono trattenuta, e poi dall’alto dei suoi nove anni ha continuato “cosa devo leggere per dire che ho letto?” , li mi sono sfogata “quello che vuoi, un giornale, un fumetto, anche il bugiardino delle medicine e le etichette dei prodotti!” ….si e’ messo a ridere a crepapelle, “Dai zia non scherzare, leggere e’ una cosa seria!”

    Mi piace

    • è proprio quello il punto… leggere è anche una cosa seria, ma è anche un’esperienza bellissima e leggera! Le letture per forza a scuola ammazzano! Io a scuola ho odiato il cavaliere inesistente e il piccolo principe letti nel momento sbagliato! non si può leggere qualsiasi libro in qualsiasi momento! Brava te a rispondere così!

      Mi piace

  2. concordo con te e credo valga anche per gli adulti.
    Leggere libri “leggeri” o romanzi che magari non sono opere d’arte ma ci fanno sorridere o svagare, a volte proprio perchè prevedibili o scritti in modo discutibile, non significa non essere colti o istruiti nè tanto meno sprecare il nostro tempo.
    Sarebbe come dire a una persona che riesce a correre solo 10 minuti che fa prima non correre, perchè è una faccenda seria e se non corri almeno mezz’ora sei uno sfigato!

    Mi piace

  3. Pollice su! Io odiavo leggere da bambina perché mi venivano imposti libri che trovavo tristi e pesanti, non adatti al mio gusto.
    Poi mi sono rifatta perché mi è stata data libertà di scelta. Certo mi sono persa un po’ di c.d. classici per ragazzi, ma nulla mi vieta di leggerli adesso, con la maturità, cosa che in effetti sto facendo ,-)

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: