Skip to content

Mamma e Papà, uguali e diversi

Ho letto ieri questo post di Domitilla Ferrari,  che mi è piaciuto e convinto a scongelare una vecchia bozza mezza ragnatelosa.
Mamma e Papà,  sono uguali o diversi?  Secondo me entrambe le cose, visto che a volte è necessario essere complementari e a volte è necessario essere intercambiabili.  Una delle cose che sopporto di meno è vedere alcune mamme, e ne conosco,  che parlando dei propri mariti affermano cose tipo: No, solo con il padre non lo lascio,  meglio mia madre! No, non posso uscire, la baby sitter il giovedi è occupata e mica lo posso lasciare con il padre! Ma scusa, chi c@@@@o ti sei presa? Non so voi ma io un figlio con uno che non è in grado di stare due ore con un bambino perché non mi fido non lo farei. Voi? O forse il problema è che le cose le sa fare ma non le fa come dici tu?
Se la risposta è si, allora hai un problema. Sarà che sono abituata a lavorare per obiettivi,  ma per me l’importante è che il pupo vada a scuola vestito,  mangiato e lavato. Poi se il papà gli mette la tuta blu invece che la rossa chi se ne frega,  se giocano mentre si lavano i denti che problema c’è?  Se per fare colazione ci mettono mezz’ora a me cosa toglie? Lui fa le cose alla sua maniera,  io alla mia. E a parte l’allattamento non c’è qualcosa che so fare solo io o lui. Tanto è vero che il pupo sceglie con chi vuole andare a dormire, fare la doccia o andare in bagno. Non credo ci sia qualcosa proprio da mamma e qualcosa proprio da papà a livello di mansioni, ma una comodità maggiore o minore nel farle da parte di uno o dell’altra. Ovviamente, ognuno ha le sue specializzazioni o preferenze. Sinceramente,  io neanche faccio finta mi piaccia giocare con le macchinine e a mio marito non piace ritagliare ed incollare. E lo stesso sulle cose di casa. Io cucino decisamente meglio ma lui mi frega sullo spolvero, e così via. D’altronde a me la barbetta incolta non sta bene quanto a lui!
Annunci

16 Comments »

  1. come non darti ragione?
    sono d’accordissimo su tutta la linea.
    tranne allattare al seno, per il resto l’uno vale come l’altra.
    certo ognuno poi con le sue peculiarità, e i bambini sanno benissimo quali sono.
    per certe cose vogliono me, per altre il papà. ed è giustissimo così.
    ma siamo assolutamente interscambiali.

    Mi piace

  2. D’accordo con te su tutto, tranne che su Domitilla Ferrari, i cui post non mi piacciono.
    Certo, bisogna accettare che il papà faccia le cose a modo suo, ma lo stesso vale per i nonni paterni e materni, la baby sitter e le maestre…alcune questioni per noi fondamentali si chiariscono, cercando strategie comuni, poi ognuno fa quel che ritiene, purchè il risultato sia buono.
    Forse da parte di molte mamme c’è il desiderio di sentirsi indipensabili e/o un pò di gelosia (io quando lo vedo felice dai suoceri che non vuole tornare a casa, un pò ci rimango male, ma mi trattengo perchè so che significa che è felice e non mi vorrà meno bene per questo, anzi. E’ dura, però).

    Mi piace

    • con domitilla a volte mi incavolo proprio, però questo era carino!
      Magari capita a me, ma sento cose assurde. Tipo: non gli sa fare il bagno, non lo sa tenere, non lo sa addormentare. Come si può? Tra l’altro: se non provano mai ma come fanno ad imparare? Capisco la gelosia, ma si esagera! E non è giusto rubargli un posto che gli è proprio ai papà! Vero che qualcuno ci si adagia pure…

      Mi piace

    • Anch’io d’accordo su tutto, ma come MammaAvvocato mal sopporto i post della Ferrari, con quel suo tono saccente! 😉
      Comunque, mio marito in casa e col pupo sa fare (quasi) tutto, mai avuto nessun problema a lasciarli insieme anche per un’intera giornata… Penso sia molto avvilente per il papà sentirsi preferire i nonni, come se lui fosse un incapace! Io fin da subito ho imparato a delegare e direi che siamo proprio interscambiabili!

      Mi piace

  3. Ottime osservazioni! C’è da dire che i pupi hanno preferenza per il genitore con cui passano più tempo, che generalmente è la mamma. Questa tendenza però va a scemare con il tempo..per fortuna..aggiungo io!!! Orsetta è proprio tanto legata a me, ma praticamente siamo state sempre insieme e io attendo con ansia il giorno in cui preferirà il papà!!! 🙂

    Mi piace

  4. cosa dovrei dire io che mio figlio …vuole solo il papa’ quando e’ a casa, e a volte mi dice tu vai al lavoro che io resto con papa’ e ci arrangiamo Z_Z
    il mio compagno e’ un mammo eccezionale…l unico neo e’ la messa a letto per il resto e’ meglio di me, lo dico sul serio.

    Mi piace

  5. con me sfondi una porta aperta, ovviamente! quelle che pensano che gli uomini non sappiano fare determinate cose (in genere pulire, cucinare, lavatrici e lavastoviglie, cambiare pannolini e vestire bambini) perchè uomini sono come quelli che dicono che le donne non sanno guidare la macchina. in effetti se ci fai caso, le stesse famiglie in cui lei non si fida a far fare delle cose al marito (ma poi scusa ma tu sei la dittatrice che dispone di casa e figli, e l’altro cos’è un ospite o un prigioniero?), in genere il marito non si fida ad entrare in macchina se guida la moglie. il punto è che in molte coppie questa è una situazione voluta da entrambi, perchè dà a uno l’alibi di non crescere mai, di essere l’eterno figlio, di non assumersi responsabilità e avere il diritto di tornare a casa quando vuole magari dopo la partita di calcio e la birretta con gli amici e trovare la casa in ordine e i bimbi a letto, stravaccarsi sul divano mentre la mogliettina cucina e lava i piatti; all’altra dà la possibilità di comandare in casa e sentirsi importante e indispensabile non avendo altri campi in cui dimostrare la propria abilità o intelligenza. io la chiamo arretratezza culturale. che poi, detto fra noi, una persona a prescindere dal genere è brava a fare una certa cosa se la fa spesso, oltre al fatto che non c’è un unico modo di fare bene le cose. e inoltre non ci vuole la laurea nè una particolare intelligenza nel caricare una lavatrice, pulire un culetto o abbinare una felpa con un pantalone (oltre al fatto che quest’ultima cosa non è nemmeno di vitale importanza).

    Mi piace

  6. ho apena letto questo articolo ed ho pensato al tuo post e ai successivi commenti 😉 http://27esimaora.corriere.it/articolo/pensa-forte-e-lascia-in-pace-gli-uomini-quando-fanno-i-lavori-di-casa-o-i-papa/?utm_content=buffer0a3fe&utm_medium=social&utm_source=twitter.com&utm_campaign=buffer
    “Proviamo noi donne a immaginare questo scenario: siamo in viaggio di lavoro e nostro marito ci telefona ogni cinque minuti per sapere che cosa stiamo facendo, se la riunione sta andando bene, se stiamo riuscendo a concludere l’affare e così via. Come ci sentiremmo? Mettiamoci allora nei panni dei nostri mariti quando li lasciamo a casa a occuparsi dei figli o di altri compiti domestici, e li chiamiamo cento volte al giorno per dare istruzioni e sapere se è tutto OK!”

    Mi piace

  7. A me onestamente che siano uguali mamma e papà non mi suona. Mi stramazzo durante il giorno e lui, birbone, sorride e corre verso il padre. ultimamente si è ammalato di papite esinceramente ne sono anche un pò gelosa

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: