Vai al contenuto

i- cook: bianchi e neri

Mio nonno ha sofferto sempre di colesterolo e pressione alta, nonostante seguisse un regime dietetico a dir poco salutista. Ancora rabbrividisco a ripensare alle minestrine di acqua, condite con un filino di olio a crudo e parmigiano, senza brodo ne tanto meno dado, che mangiava. Bleah! Non c’è niente da fare: se la genetica è contro di te… Credo che a mia nonna, notariamente non capace di cucinare, questo non sia mai dispiaciuto. Mia nonna era in grado di scuocere e bruciare tutto o quasi, per cui una cucina molto molto semplice per lei era l’ideale!

Nonostante questa sua evidente incapacità, forse in quanto mediamente golosa di dolci, nel suo repertorio c’erano alcune cosette di tutto rispetto. Tutti dolci, ovvio    2013-12-28 16.54.27. Il torcolo, che come lo fa lei nessuno, nonostante dentro ci mettere poco di tutto. Gli spumini, aka le meringhe, che in realtà montava a mano mio nonno. Dei dolcini via di mezzo tra un biscotto e un bignè, in cui a volte metteva l’uvetta. E la ricetta che vi presento: i bianchi e neri, biscotti duretti indovinate di che colori? Dopo anni, mia madre è riuscita a scucirle la ricetta (anche da voi le persone anziane tendono a non volerti dare la ricetta??) e io ve la propongo perchè sono veramente buoni

2013-12-28 16.05.29Ingredienti

500 g farina

4 uova

300 g zucchero (io ho usato quello di canna chiaro)

3/4 di bicchiere di olio di semi (io vi suggerisco quello di mais)

1 cartina

cacao qb

2013-12-28 16.08.03

Lavorate gli ingredienti in una terrina. L’impasto rimane tipo quello della crostata ma molto più appiccicoso e friabile.

2013-12-28 16.11.01

 

 

Quando sono amalgamati passate l’impasto sulla spianatora, dividendolo in due. In una delle due metà unite cacao: nel foglietto di nonna c’è scritto a piacere. Io ne ho aggiunto abbastanza da farlo del colore che vedete.

 

 

A questo punto fate tanti filoncini dei due impasti e uniteli insieme. Potete attorcigliarli, affiancarli, metterli un po’ e un po’: come volete insomma.

2013-12-28 16.18.11

 

Cuocere in forno a 170°C per circa 15 minuti, o per il tempo necessario a far dorare leggermente la parte chiara.

2013-12-28 16.46.52Una volta cotti, tirateli fuori fateli leggermente freddare tagliateli. La forma è quella dei tozzetti. Una volta completamente freddi, li potete riporre in un sacchetto o in una biscottiera, dove, se non li mangeranno prima tutti, si conservano per diversi giorni. Io ve li consiglio per colazione!

 

3 Comments »

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: