Skip to content

In town without my car!

Ieri è iniziata la giornata europea della mobilità sostenibile, terminerà domenica prossima. tra l’altro Elisa di Mestiere di mamma oggi ha pubblicato un bel post collegato.
Questa settimana dovrebbe essere una settimana di riflessione sul tema. Se quello che scrivono sul sito del ministero fosse vero questa settimana non avrei che l’imbarazzo della scelta tra le tante iniziative riguardanti forme alternative di mobilità. Invece… manco per niente. Le poche iniziative avviate sono dovute alla buona volontà dei singoli. E non è che io viva nella megapoli del secolo. No, no. Vivo praticamente in un paesotto allargato (pure tutto pianeggiante!), per cui, in teoria, la mobilità alternativa dovrebbe essere la regola!

Invece… il concetto di pista ciclabile è opinabile: pochi km qua e là raccordati ad un tubo di nulla non sono una pista ciclabile, sono una spolverata di bianco, per far vedere quanto siamo belli che facciamo le ciclabili. Aree veramente pedonali non esistono. E qui la colpa è pure dei ciclisti. Se non ci si può andare in bici non ci si va! Punto. Altrimenti chi, come me, ha un figlio piccolo intrepido, che vuole camminare anche da solo vicino a mamma, muore di colpi al cuore continui per le bici che lo prendono a birillo per lo slalom! Per non parlare dei motorini, che dovrebbere essere SPENTI! O lo devo tenere sul passeggino legato e bloccato fino ai 13 anni?
Le scelte che facciamo sul come muoverci parlano molto di noi. La condivisione del trasporto è una sconosciuta. L’unico obiettivo è la fine del viaggio, correre come pallette matte da una parte all’altra. Sarà che ora ho un bambino piccolo che ha i suoi tempi,  ma mi accorgo sempre più di quanto tutto ciò sia assurdo e stupido, per non parlare del lato autolesionista. Tra l’altro: in molti casi per piccoli spostamenti, scegliere la bici o andare a piedi invece che in macchina fa “perdere” non più di 5-10 minuti, visto che non ci sono tempi di parcheggio. E allora è solo un problema di teste. Se neanche con la benzina così cara c’è una diminuzione dell’uso della macchina, che cosa servirà?

PS: qui trovate le adesioni delle città italiani ad alcune delle iniziative proposte per questa settimana; qui invece trovate i riferimenti di una bella iniziativa Do the right Mix perchè è meglio di un mezzo sostenibile c’è solo un mix di mezzi!

Annunci
Senza categoria

3 Comments »

  1. Adoro camminare, lo faccio appena posso, nel nostro paese zone pedonabili, non ci sono ma io mi attrezzo, percorrendo le stradine in mezzo ai campi, ed è una sensazione unica. Certo, per la questione della mobilità sostenibile, è tutta un'altra storia….qui non passano nemmeno gli autobus!!!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: