Skip to content

Festa in orto

Ieri Crapa pelatina (è si: con questo caldo non solo i riccioli biondi sono stati tolti, ma anche i quattro peli lasciati inizialmente sono stati rapati!) ha avuto la festa di fine anno. Non è la prima festa a cui mio figlio mi  porta: abbiamo avuto la festa di Natale, con tanto di lettura animata e la festa di primavera (quella di carnevale è stata only child!), ma questa mi ha fatto un effetto diverso. 
Per prima cosa ho visto Crapetta muoversi con una scioltezza maggiore delle altre volte negli spazi chiusi o all’aperto del nido. Mi ha fatto piacere! Voglio dire: sono sicura che lui lì sta bene, che trascorre ore serene, ma vederlo così a suo agio anche con gli spazi fisici… beh è stato bello! Poi ho capito perchè ha tutta questa propensione al giardinaggio. E io che mi illudevo di avergli passato geneticamente qualcosa! Macchè: la scuola ha portato avanti un progetto che si chiama scienziati in orto e hanno fatto un sacco di attività contadine! Molte di più di quelle che  inizialmente avevo registrato! Hanno lavorato soprattutto i “grandi” ma anche lui si è dato da fare (o almeno così pare dalle foto!).

Ma la cosa più bella è stato verdelo all’opera con il suo Amico. E si, perchè mio figlio ha un amico del cuore. Lo sapevo già, ma li avevo potuto vederli interagire poco: giusto un attimo ogni tanto all’uscita. Matteo arriva prima e va via dopo di Amico, per cui… Ieri sono stati uno spettacolo! Dal sorrisone che ha fatto Matteo quando lo ha visto arrivare, al continuo cercarsi, al vederli così “ruspa” tutti e due. Ho così scoperto che quando Amico non ha voglia di andare all’asilo la mamma gli dice “Dai che andiamo da Matteo”, ho assistito alle loro chiacchierate (che si diranno?) e ho scoperto che Amico (16 mesi) non sa dire come si chiama ma chiama Matteo (giuro: lo sentito con queste orecchie!) e che quando Matteo dice Dada in realtà lo sta chiamando! 
Un episodio e chiudo. Ad un certo punto della festa hanno raccolto le cipolle e le zucchine del loro orto (e si perchè via via hanno innaffiato e poi raccolto e mangiato i frutti del loro duro lavoro!). Le maestre le hanno lavate, fatte a pezzi grandi e distribuite su dei piattini ai bimbi più grandi, che muniti di coltello di plastica dovevano farle a pezzetti più piccoli per poi metterle sulla pizza che aveva intanto preparato la cuoca. Crapetta pelata ovviamente s’è seduto in mezzo ai più grandi reclamando il suo piatto e il suo coltello: a fatica ma abbiamo tagliato le nostre verdure. Nel frattempo anche qualche bimbo piccolo, su un altro tavolo, si era messo a tagliare. Crapetta appena ha visto Amico ha preso la sua seggiolina e si è messo vicino a lui. Per un attimo è rimasto a guardare il suo amico in grossa difficoltà con il coltello. Allora ha preso ed è andato a prendere il suo piatto con le verdure tagliate. E sapete che ha fatto? Si è messo a mettere i pezzetti già tagliati sul piatto del suo amico! Poi finito si è seduto tutto soddisfatto, sorridendogli!
Prevedo già le lacrimucce anno prossimo (hanno solo tre mesi di differenza, ma Matteo è del 2010 e Amico del 2011, per cui andranno alla materna in anni diversi!)
Annunci

8 Comments »

  1. Anche il mio grande aveva, e ha mantenuto, un amico dalla scuola, materna però.
    Lo aspettava la mattina, lo consolava quando piangeva, gli diceva che la mamma sarebbe sicuramente tornata a prenderlo nel pomeriggio. Si sono voluti molto bene e ora che non si frequentano più tanto spesso, ogni volta che si vedono è come se non si fossero mai lasciati. 🙂

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: